Sports Dopo Autostrade, Benetton punta alle Olimpiadi del 2026

Dopo Autostrade, Benetton punta alle Olimpiadi del 2026

C’è una persona scomoda che si aggira attorno alle prossime Olimpiadi Milano-Cortina 2026. Ad essere sinceri più che una persona è il suo cognome. Perché per alcuni politici il cognome Benetton è dai tempi del crollo del Ponte Morandi un nemico, qualcosa da far sparire, da Autostrade ma non solo.
E così ad alcuni politici non è scappato come nei Mondiali di Sci di Cortina appena conclusi a capo dell’organizzazione e formalmente Presidente della Fondazione Cortina 2021 che ha gestito l’evento ci fosse Alessandro Benetton, il rampollo più famoso della famiglia. E a nulla è servita la dichiarazione dello stesso Benetton di non volersi occupare della questione Olimpiadi proprio per evitare polemiche. In Parlamento sanno benissimo che si può in qualche maniera “controllare” o quantomeno influenzare certe situazioni e certi ruoli senza essere presente di persona con il proprio nome e cognome. E Benetton a Cortina oggi come domani non è un cognome banale…

Ad esempio sotto accusa sono finiti un paio di candidati presenti tra i papabili per la presidenza di Società Infrastrutture Olimpiadi Milano-Cortina 2026, l’ente che di fatto dovrà controllare e gestire tutti i lavori a trasporti, strutture di ogni tipo della manifestazione; ente, va ricordato, con un portafoglio superiore al miliardo di euro. Se aggiungiamo che le tensioni tra la Lega e Malagò non si sono di fatto mai spente ecco che sui giochi olimpici invernali in programma tra 5 anni regna, dietro ai sorrisi, una certa tensione.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Quanto costano i calciatori al minuto: Dimarco e Young

Federico Dimarco (Verona) e Ashley Young (Inter), tra ingaggio e tempo giocato: quando costano al minuto questi calciatori?

Olimpia Milano, più che un trionfo è il minimo sindacale

Tutti pazzi per l'Olimpia Milano, tornata alle Final Four di Eurolega dopo 29 anni. Ma attenzione a festeggiare per il "trionfo"

I 50 mila del calcio femminile

Nessuno conferma e nessuno al momento parla di cifre ufficiali, ma tra gli addetti ai lavori girano cifre che sanno tanto di reale...

Juventus verso la rifondazione, tra addii e nuovi arrivi. Rumors

La Juventus è diventata una polveriera: tutti contro tutti all'insegna del si salvi chi può. Ecco chi si prepara all'addio e chi è arriva...