Trump alla sbarra, cosa rischia l’ex presidente. L’atto d’accusa per frode

A New York è iniziato il processo contro la Trump Organization. Le accuse e i rischio per l'ex presidente che parla di "caccia alle streghe"

Perchè questo articolo potrebbe interessarti? Lunedì a New York è partito il processo che potrebbe confermare le numerose accuse contro la società e, di conseguenza, il suo patriarca. Ecco cosa rischia Donald Trump se dovesse venire confermata la frode fiscale della sua Trump Organization. Insieme a lui è coinvolto l’intero Partito repubblicano a pochi giorni dalle elezioni di mid-term.

Quattro miliardi. Queste sono le stime dell’ammontare delle spese legali e dei costi correlati che Donald Trump avrebbe riversato sul suo Partito repubblicano.

La scelta di contestare le elezioni, in modo sedizioso costa caro all’ex inquilino della Casa Bianca – con l’idea di riprovarci. Alla contestazione violena della sconfitta elettorale nel 2020 si sommano la rimozione di documenti governativi e un la diffamazione rispetto a un’accusa di stupro. Ma il labirinto legale intorno a Trump non finisce qui.

Trump alla sbarra

Lunedì è cominciato il processo contro la Trump organization. La società immobiliare del tycoon, con sede a Manhattan, è accusata di frode contro le autorità fiscali di New York.

L’azienda avrebbe fornito compensi “off the books”, sottobanco, per 15 anni ai dirigenti dell’azienda. Attraverso canoni di locazione per auto, affitto di appartamenti e tasse universitarie per parenti. Il tutto al posto di un po’ di stipendio, consentendo all’azienda di eludere il pagamento delle tasse sui salari.

Se giudicata colpevole, la società gestita da Donald Trump Jr ed Eric Trump, potrebbe rischiare 1,6 milioni di dollari di multa; insieme con il blocco alla propria capacità di gestire hotel, campi da golf e altri beni.

Ma il processo sarà probabilmente molto interessante per le sue sottotrame.

L’atto d’accusa

All’accusa si aggiunge un’indagine civile separata del procuratore generale dello stato di New York Letitia James che ha raccolto un atto d’accusa di 200 pagine il mese scorso accusando l’Organizzazione Trump, il magnate e tre dei suoi figli di sovrastimare i valori immobiliari e il patrimonio netto di Trump per ottenere prestiti bancari favorevoli e copertura assicurativa.

L’indagine di Manhattan sulla compagnia di Trump ha seguito il suo percorso fino a un processo con giuria. È iniziato sotto il procuratore distrettuale Cyrus Vance Jr ed è ora nelle mani del suo successore, Alvin Bragg. Due pubblici ministeri si erano dimessi a febbraio; ma l’ultimo ha affermato che le accuse di reato dovrebbero essere presentate contro l’ex presidente.

La difesa di Trump contro “la caccia alle streghe”

Gli avvocati della Trump Organization hanno affermato che il caso è un “procedimento selettivo” motivato dall’opposizione alle opinioni politiche di Trump. Un’affermazione che il giudice che sovrintende al caso, Juan Merchan, ha respinto. Hanno anche affermato che i pubblici ministeri stanno cercando di punire la società di Trump perché “una manciata di suoi funzionari avrebbe omesso di segnalare i benefici accessori sulle loro dichiarazioni dei redditi personali”.

Ma la posta in gioco per entrambe le parti – pubblico ministero e imputato – è alta.

A differenza degli sforzi vacillanti di Trump per contestare i risultati delle elezioni del 2020, la Trump Organization ha coinvolto un pool di avvocati d’élite; per contrastare le richieste di un elevato onere della prova nei processi penali.

Il testimone chiave

Occhi e orecchie saranno sulla testimonianza dell’allora chief financial officer della Trump Organization Allen Weisselberg. Il 75enne lo scoro anno si è dichiarato colpevole di 15 capi di imputazione; che vanno dal furto aggravato alla frode fiscale, passando per la falsificazione di documenti aziendali in cambio di la sua testimonianza. Weisselberg è stato citato in giudizio, ma non si è rivelato un teste collaborativo.

Tuttavia, la sua condanna a cinque mesi concordata con i pubblici ministeri dipende da una testimonianza veritiera.

Fondamentalmente, il procuratore distrettuale di Manhattan ha assicurato che la condanna di Weisselberg sarebbe stata rinviata a dopo il caso. Per dimostrare che la società è colpevole, il governo ha il diritto di imputare la responsabilità non solo a Weisselberg; ma anche ad altri dirigenti dell’azienda, incluso potenzialmente lo stesso Donald Trump; di cui si potrebbe dimostrare il suo essere a conoscenza del presunto regime fiscale.

Cosa rischia Trump

“È strategicamente un caso davvero difficile sia per Weisselberg che per Trump. L’ex presidente potrebbe finire per vincere la battaglia e perdere la guerra”, ha affermato al Guardian Andrew Weissmann, un ex procuratore federale che ora insegna legge alla New York University. Date le circostanze, gli avvocati della Trump Organization non possono semplicemente provare a smontare la credibilità di Weisselberg – che ha tutto l’interesse ad accusare il suo ex datore di lavoro – senza fornire agli investigatori prove che lo stesso Trump fosse a conoscenza degli accordi sottobanco.

LEGGI L’ATTO D’ACCUSA CONTRO DONALD TRUMP