Politics La rivincita dei teo-dem

La rivincita dei teo-dem

di Francesco Floris

L’ultimo tornante della storia politica italiana riporta d’attualità creature del passato: sono i giorni di Paola Binetti e di Clemente Mastella. “Da sola nella maggioranza non andrei”. Così l’ultima battuta al servizio di giornali e agenzie dell’ex teo-dem eletta con la Margherita per la prima volta nel 2006, Paola Binetti, migrata nel frattempo nell’Udc. Che pur usando parole dure contro la crisi di governo aperta da Italia Viva e Matteo Renzi, in maggioranza come stampella per il voto di fiducia al Senato non ci andrebbe. Mentre invece se “tutto il mio gruppo, l’Udc, con un piano e un progetto politico articolato e condiviso con questa maggioranza, decidesse di sostenere questa fase della legislatura, io mi sentirei di collaborare”. Responsabili sì ma non stupidi. E c’è già chi scommette su un Ministero della Famiglia blindato per i nuovi “Costruttori”. Ma la rinnovata centralità dei teo-dem non riguarda solo Giuseppe Conte, il futuro dell’Esecutivo e non sta solo a Roma. Il Presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha nominato consulente in ambito sanitario Emanuela Baio Dossi: classe ’56, ex giornalista di Avvenire e del Sole 24 Ore, politica e senatrice per tre legislature – fino al 2013, quando non viene rieletta nelle liste di Scelta Civica di Mario Monti. È transitata attraverso Margherita, Partito democratico (proprio nella corrente di Paola Binetti), Alleanza per l’Italia, fino al tentativo di candidarsi come sindaco di centrodestra in Brianza nel suo comune d’origine uscendone sconfitta. Già presidente del Comitato di coordinamento per i diritti dei diabetici, il suo posto nella sanità se lo è guadagnato quando a Palazzo Madama come membro della Commissione Permanente Igiene e Sanità è diventata uno dei punti di riferimento per la florida industria di settore nella “sua” Brianza. Il suo nome in Lombardia girava da mesi come quello della “donna che sussurra a Trivelli”, il potente Direttore Generale Welfare e qualcuno l’aveva addirittura data come papabile per il posto di assessore alla Sanità nel dopo Gallera. Non è un assessorato, ma la sua chiamata è di quelle che pesa. E profuma di rivincita.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Rocco Forte Hotels, l’hotellerie di lusso è un affare di famiglia

Dodici alberghi cinque stelle lusso sparsi nel mondo e oltre 200 milioni di sterline di fatturato l’anno. Rocco Forte Hotels è un gigante dell’hotellerie di lusso...

IPZS: storia, servizi e governance dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (IPZS) si configura come una società per azioni, coordinata in modo esclusivo dal Ministero dell’Economia e delle...

Sose, società partner del Mef per l’analisi dei dati fiscali

SOSE è la società che si occupa per il ministero della Finanza (Mef) dell’analisi dei dati fiscali. Ecco quali sono i suoi compiti

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Fontana, la pandemia e la lezione da impartire a chi non la pensa come te

Ieri ho appreso una lezione. In effetti, non ci voleva molto, ma è sempre importante ricordarsi qual è il mondo con cui...

“Negli Stati Uniti in due ore ti fai il vaccino: basta il passaporto”

"Ciao a tutti, ho appena fatto il vaccino in farmacia qui a New York, una farmacia che non è un centro specializzato...

Esame Avvocato: caos al software Ministero, le promesse infrante della Cartabia

Migliaia di dati in fuga e privacy violata dal sistema di via Arenula. I praticanti: "Sono di Milano, mi convocano a Catanzaro con un altro nome"

Antonio Barbato rinviato a giudizio

L’ex comandante della polizia locale Antonio Barbato è stato rinviato a giudizio nel procedimento aperto contro di lui per falso ideologico e frode in pubbliche forniture. Una vicenda processuale che si riferisce a fatti del 2015