Politics La rivincita dei teo-dem

La rivincita dei teo-dem

di Francesco Floris

L’ultimo tornante della storia politica italiana riporta d’attualità creature del passato: sono i giorni di Paola Binetti e di Clemente Mastella. “Da sola nella maggioranza non andrei”. Così l’ultima battuta al servizio di giornali e agenzie dell’ex teo-dem eletta con la Margherita per la prima volta nel 2006, Paola Binetti, migrata nel frattempo nell’Udc. Che pur usando parole dure contro la crisi di governo aperta da Italia Viva e Matteo Renzi, in maggioranza come stampella per il voto di fiducia al Senato non ci andrebbe. Mentre invece se “tutto il mio gruppo, l’Udc, con un piano e un progetto politico articolato e condiviso con questa maggioranza, decidesse di sostenere questa fase della legislatura, io mi sentirei di collaborare”. Responsabili sì ma non stupidi. E c’è già chi scommette su un Ministero della Famiglia blindato per i nuovi “Costruttori”. Ma la rinnovata centralità dei teo-dem non riguarda solo Giuseppe Conte, il futuro dell’Esecutivo e non sta solo a Roma. Il Presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha nominato consulente in ambito sanitario Emanuela Baio Dossi: classe ’56, ex giornalista di Avvenire e del Sole 24 Ore, politica e senatrice per tre legislature – fino al 2013, quando non viene rieletta nelle liste di Scelta Civica di Mario Monti. È transitata attraverso Margherita, Partito democratico (proprio nella corrente di Paola Binetti), Alleanza per l’Italia, fino al tentativo di candidarsi come sindaco di centrodestra in Brianza nel suo comune d’origine uscendone sconfitta. Già presidente del Comitato di coordinamento per i diritti dei diabetici, il suo posto nella sanità se lo è guadagnato quando a Palazzo Madama come membro della Commissione Permanente Igiene e Sanità è diventata uno dei punti di riferimento per la florida industria di settore nella “sua” Brianza. Il suo nome in Lombardia girava da mesi come quello della “donna che sussurra a Trivelli”, il potente Direttore Generale Welfare e qualcuno l’aveva addirittura data come papabile per il posto di assessore alla Sanità nel dopo Gallera. Non è un assessorato, ma la sua chiamata è di quelle che pesa. E profuma di rivincita.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Stefano De Martino e Fiammetta Cicogna si sono sposati (ma è solo una scena di un film)

L’ex ballerino di Amici insieme alla modella e conduttrice Fiammetta Cicogna stanno girando il film dal titolo Il giorno più bello.

Chi è Aldo Montano, sciabolatore alla quinta olimpiade: età, carriera sportiva, vita privata – FOTO

Aldo Montano è uno sciabolatore italiano alla sua quinta partecipazione alle Olimpiadi. Un record a 43 anni.

Chi è Olga Plachina, moglie dello sciabolatore Aldo Montano: età, altezza, carriera tra sport e moda

Chi è Olga Plachina, la modella e atleta russa sposata con lo sciabolatore Aldo Montano dal 2016 e con il quale ha due figli.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cuba e Haiti, Venezuela e Colombia: l’America Latina in fiamme. L’estate rovente tra crisi e fermento sociale

Nei paesi del Sud America come Argentina, Cuba, Haiti, Venezuela e Colombia la crisi non si placa. E c'è il rebus Usa-Biden

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano

Omicidio Voghera, cosa è successo in 10 anni con le armi: ecco quante sono le licenze in Italia e chi le possiede

Omicidio Voghera, il tema delle armi in casa torna d'attualità. Chi abita nei piccoli centri più propenso a dotarsi del porto d'armi