Giarrusso replica a Conte: “La poltrona non la lascio, me la sono conquistata”

Volano gli stracci tra l'ex premier e Dino Giarrusso. Lo scontro ha portato l'ex inviato delle Iene ad uscire dal Movimento 5 stelle.

La sua uscita dal partito di Giuseppe Conte era nell’aria, ma da oggi l’europarlamentare ed ex inviato delle Iene Dino Giarrusso non fa più parte del M5s. Stavolta l’addio non è stato frutto di un’espulsione o di un provvedimento disciplinare, ma è lo stesso Giarrusso ad aver annunciato la sua decisione durante il programma televisivo di La7 Coffee Break.

Poltrone e veleni

Il parlamentare europeo, che aveva manifestato la volontà di correre per le prossime regionali in Sicilia, si è detto “disgustato” dalla piega presa dal nuovo corso di un Movimento che “è uscito dai suoi valori”.

Nonostante le critiche allo stato maggiore grillino, Giarrusso ha rinnovato comunque la “grandissima stima per Giuseppe Conte, il miglior presidente del Consiglio degli ultimi vent’anni”.

Ma Conte non l’ha presa e ha invitato Giarrusso a dimettersi dalla sua carica di europarlamentare, contrattaccando duramente: “Giarrusso l’ho incontrato sei o sette volte e mi ha parlato solo di poltrone”. Un accusa che non è stata presa bene dall’europarlamentare.

Conte si deve vergognare

Giarrusso, intercettato da true-news.it, si sfoga: “Conte su questo ha mentito e dovrebbe vergognarsi, io non ho bisogno di poltrone perché la poltrona me la sono guadagnata prendendo le preferenze e sono stato il politico più votato nella storia del Movimento Cinque Stelle”.

Giarrusso, quindi, non molla e rilancia. “Io la poltrona me la sono conquistata – continua parlando con true-news.it – me la sono presa coi voti a differenza di qualche yesman di cui Conte si è circondato”. Ma chi sono questi yesman? “Sono quelli che sono contenti quando vanno in tv”, risponde l’ex inviato delle Iene, che non fa i nomi dei componenti di quello che considera “il cerchio tragico” che sta intorno all’ex presidente del Consiglio ora alla guida dei Cinque Stelle.

Il motivo del contendere

Nei giorni precedenti l’addio, Giarrusso aveva rivelato di aver provato più volte a cercare il leader del Movimento, ma invano, dal momento che Conte aveva smesso di rispondergli al telefono. Mentre oggi l’ex premier dice di aver incontrato non più di sei o sette volte l’europarlamentare catanese recordman di preferenze. A questo punto viene naturale chiedere all’interessato quale sia stato l’argomento al centro degli incontri tra lui e Conte.

Giarrusso replica duramente: “Semplicemente avevo suggerito a Conte di far votare dalla base i referenti territoriali e tematici, nonché i cinque vicepresidenti del M5s, mi sembrava logico dato che siamo il Movimento della democrazia diretta”.

Continua la rivelazione: “Ho detto a Conte che la gente ci avrebbe abbandonato se noi avessimo perso di vista la bussola della partecipazione e della democrazia diretta, ma si è preferito fare delle nomine dall’alto, tradendo lo spirito del Movimento Cinque Stelle”.

Un nuovo movimento

L’altro punto della critica riguarda l’azione dei pentastellati all’interno del governo di Mario Draghi. Prima di ufficializzare la sua uscita dal M5s, Giarrusso aveva invitato Conte ad andare all’opposizione. “Il M5s ha abbandonato i cittadini rimanendo a far parte di un governo in cui viene costantemente umiliato, a partire dal Superbonus, elogiato in Europa e criticato da Draghi, fino alla questione delle armi all’Ucraina”. Dice il Parlamentare europeo ormai ex grillino, che ha già annunciato la sua volontà di fondare un nuovo movimento insieme ad ex pentastellati e scontenti.

E che rispedisce al mittente con sdegno l’accusa di Conte di pensare solo alle poltrone.