Decreto legge Covid ecco la bozza del governo. Il documento

La bozza del dl Covid allo studio del governo su green pass, mascherine e accesso in luoghi pubblici, edifici commerciali e stadi

QUI PUOI LEGGERE LA BOZZA DEL DL COVID

Il 1° maggio finisce l’obbligo del green pass: arriva il via libera dalla cabina di regia a Palazzo Chigi. E’ quanto emerge dalla bozza del nuovo decreto legge Covid.

Il governo ha stabilito l’obbligo di presentare il certificato verde ancora fino al 30 aprile. Da maggio non sarà più necessario esibirlo. Dal primo aprile non sarà più richiesto il Green pass sui bus ed in generale sui mezzi di trasporto pubblico locale, mentre continuerà a vigere obbligo di indossare le mascherine.

A inizio aprile termina definitivamente soffitta definitivamente il sistema delle zone colorate. Le norme sulle mascherine restano invariate fino al 30 aprile.

Da aprile via l’obbligo di super green pass sui luoghi di lavoro per gli over 50. A chi ha superato questa soglia d’età, per cui in linea generale l’obbligo resterebbe in vigore, sui luoghi di lavoro dovrebbe essere richiesto solo il certificato base.

La capienza degli stadi tornerà al 100% dal primo aprile e per accedervi sarà richiesto il green pass base.

Mentre l’obbligo vaccinale resta in vigore fino a fine anno per il personale sanitario e Rsa.

L’Italia non sarà più in stato di emergenza Covid e di conseguenza decadono il Cts e la struttura del commissario straordinario. Al loro posto dovrebbe essere creata una unità operativa ad hoc al ministero della Salute per accompagnare il periodo transitorio e completare la campagna vaccinale.

Nel pomeriggio è attesa la conferenza di Draghi coi ministri per la presentazione del Dl.

QUI PUOI LEGGERE LA BOZZA DEL DL COVID