Politics Davide Casaleggio, Giuseppe Conte e la scatoletta di tonno del M5S

Davide Casaleggio, Giuseppe Conte e la scatoletta di tonno del M5S

Adesso non lo conosce più nessuno, Davide Casaleggio. Sia chiaro: lungi da me voler difendere il figlio di Gianroberto. Lo ebbi a uno dei miei eventi, per uno speech a porte chiuse. Il video che proiettò era indubbiamente stimolante, viceversa l’eloquio assai stringato, e il social time prima e dopo molto difficile. Comunque, oggi Davide Casaleggio, che ha lasciato il M5S, mi sta simpatico. E’ come quando una squadra comincia a perdere tre a zero, alla fine tendi a tifare per lei anche se sai benissimo che non si merita di vincere e che non vincerà mai.

M5S: la fine di Davide Casaleggio, il “figlio di”

Come può il figlio di Casaleggio andare avanti nella sua battaglia solitaria con le sole ragioni di essere il figlio di Casaleggio? Impossibile, e pure ingiusto. Quindi Davide Casaleggio perde e perderà, perché così funziona la vita. Peraltro, non mi hanno mai convinto le carriere dei figli di, se non in rarissimi casi. Però mi convincono ancor di meno quelli che fino all’altro ieri si prostravano, nel M5S, quelli che adoravano lo scettro del potere (un po’ molle, sia consentito dirlo) di Davide Casaleggio.

Davide Casaleggio: il potere M5S a Giuseppe Conte

Un potere molle, ma pur sempre potere. Non c’era parlamentare M5S che in privato non si mettesse le mani nei capelli scuotendo la testa, ma che poi pubblicamente non incensasse il figlio del grande Gianroberto. Un po’ più piccolo, ma figlio del grande. Poi sono entrati nella scatoletta di tonno, e se lo sono pure mangiati, e ci vorrebbero rimanere. E l’unico modo è consegnare al democristiano Giuseppe Conte il comando e la guida.

E Davide Casaleggio? Si può tranquillamente archiviare. E nessuno che chieda scusa per tutti quei post e quei tweet nei quali Casaleggio Jr. veniva non solo digerito, ma incensato. Piccoli segnali di ipocrisia. A pensarci bene, neppure i più importanti.

Ma oggi, con la fine di Davide, mi viene da pensare che Golia non mi è mai stato simpatico….

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Romelu Lukaku via dall’Inter (direzione Chelsea)? La strada ormai è tracciata

I giorni in neroazzurro di Romelo Lukaku paiono agli sgoccioli: il cartellino del calciatore vale parecchio, e l'Inter punta a incassare

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Le sedi delle prossime olimpiadi? Ecco quali città le ospiteranno (e chi sta pensando di candidarsi)

Quali saranno le città che ospiteranno i prossimi giochi olimpici? Fino al 2032 le Olimpiadi sono già state assegnate, e fioccano candidature in vista del 2036

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver