Politics Comunali Milano 2021, Annarosa Racca un ottimo nome per Milano. E parte...

Comunali Milano 2021, Annarosa Racca un ottimo nome per Milano. E parte il gioco degli “ancora”

E’ tutto in un “ancora”. Per Repubblica c’è, per tutti gli altri no. A volte è tutto là, in un “ancora”. La questione è quella di Annarosa Racca, grande presidente di Federfarma Lombardia. La conosco, Annarosa Racca, l’abbiamo avuta ospite più volte a “The True Show”, in onda su Telelombardia venerdì sera e sabato alle 13 su Radiolombardia. E’ una persona che stimo perché sorride sempre, e non è una cosa da poco.

Annarosa Racca candidata del centrodestra alle Comunali 2021 di Milano?

Ieri è circolata la voce che sarebbe potuta essere lei la candidata del centrodestra. Lei risponde con una nota: “L’ipotesi della mia designazione, circolata a mezzo stampa, non ha alcuna concretezza”. Attenzione! Non ha alcuna concretezza, ovvero non ha nessuna concretezza. Poi, se lo diventerà, concreta, allora è un altro paio di maniche. Ma questo è quello che Annarosa Racca dice. Invece Repubblica titola: “Io candidata sindaco per centrodestra? Ipotesi che non ha ancora concretezza”. Ancora è diverso da alcuna. Ancora vuol dire che la avrà tra un po’, alcuna vuol dire che al momento non ne ha proprio. E allora, in questo turbillon, i leader si sono affrettati a dire che Annarosa Racca è un ottimo nome. Perché lo è, beninteso. Ma se non ha nessuna concretezza vuol dire che siamo ancora al “caro amico”, esattamente come tutti gli altri nomi.

Centrodestra a Milano, manca la concretezza

Quindi, riassumendo la situazione di Milano potremmo tranquillamente dire che “ancora” non c’è nessun nome, e che non c’è alcuna concretezza su niente. Comunque la si voglia mettere, una brutta notizia per Milano e pure per Beppe Sala, che uno sfidante se lo merita. Non fosse altro che vederlo giocare da solo, su un campo praticamente deserto – anche se ci sono gli altri sfidanti minori che ovviamente scalpitano per un po’ di visibilità – fa davvero molta tristezza per una metropoli che un tempo era un luogo di elaborazione politica, all’avanguardia, e ora invece si dibatte tra un manager stupratore e l’altro, tra una Terrazza Sentimento e una vicenda processuale qualunque.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Le sedi delle prossime olimpiadi? Ecco quali città le ospiteranno (e chi sta pensando di candidarsi)

La sede delle prossime Olimpiadi del 2032 sarà Brisbane, unica città candidata. I Giochi torneranno in Australia a distanza di 32 anni da Sydney 2000.

Ius soli sportivo: cos’è e come funziona lo strumento richiesto dal Coni

Lo Ius soli sportivo prevede la possibilità che giovani stranieri partecipino a competizioni per squadre italiane ma non permette di ottenere la cittadinanza escludendoli dalle convocazioni della Nazionale.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver