Politics Funivia urbana nell'area metropolitana di Parigi, Doppelmayr si aggiudica il contratto

Funivia urbana nell’area metropolitana di Parigi, Doppelmayr si aggiudica il contratto

Entro il 2025 entrerà in servizio, nell’area metropolitana di Parigi, una funivia urbana. A costruirla sarà il gruppo Doppelmayr e coprirà un bacino di utenza di 20.000 abitanti e 6.000 posti di lavoro. E’ quanto comunicato dall’autorità dei trasporti dell’Île-de-France, che ha assegnato appunto a Doppelmayr l’appalto dell’area metropolitana di Parigi. Progetto grazie al quale nascerà un collegamento funiviario di 4,5 chilometri con cinque stazioni nel distretto di Val de Marne.

Funivia urbana, una terza via contro il traffico

L’autobus che si blocca nel traffico o il tram urbano troppo lento è uno scenario quotidiano nell’area metropolitana di Parigi. Motivo per cui Île-de-France Mobilités, l’autorità locale dei trasporti, ha deciso di risolvere con un impianto a fune queste croniche problematiche. Ridurre i tempi di percorrenza casa-lavoro è l’obiettivo della ferrovia urbana, offrendo così un nuovo mezzo di trasporto che copra alcune lacune di mobilità (non ancora “coperte” da autobus, tram e metropolitana). Questo nuovo mezzo di trasporto, secondo i primi studi, sarà piuttosto conveniente per i pendolari: il tempo di percorrenza dell’intero percorso sarà di 17 minuti, anche nelle ore di punta, poiché il mezzo funzionerà ininterrottamente senza essere ostacolato dal traffico. Inoltre la funivia “Câble A” si intersecherà con più fermate della metropolitana, degli autobus e del tram. Le cabine saranno completamente accessibili e potranno ospitare un massimo di dieci persone.

Un mezzo di trasporto molto usato nelle regioni sciistiche e ricreative ma che anche nelle città, come dimostra l’esempio francese, sta accrescendo la sua popolarità.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Olimpiadi 2021: Di Francisca, Velasco e il giornalismo dei buonisti. A Tokyo è vietato criticare

La Rai allontana Elisa Di Francisca dopo le critiche alla squadra di Fioretto femminile e lo scontro con Julio Velasco. Ipocrisie di un giornalismo che non critica mai nessuno

Russia, scopre di aver dato alla luce il figlio di un’altra donna: errore durante la fecondazione in vitro

Dà alla luce il figlio di un’altra donna, per un errore durante una fecondazione in vitro in Russia. Gli embrioni erano stati scambiati.

Incendi in Sardegna: Elisabetta Canalis lancia una raccolta fondi. “Questa emergenza mi ha toccato in prima persona”

Per incendi in Sardegna Elisabetta Canalis lancia una raccolta fondi. E il Banco di Sardegna presenta due misure per aiutare tutti.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano