Pharma Tempo di rimborso per farmaci orfani

Tempo di rimborso per farmaci orfani

I dati attuali mostrano che i primi malati rari ad avere accesso alle nuove terapie sono i tedeschi. In Italia tempo mediano per i rimborsi è di 13,7 mesi

di Elisa Elena Mariano – Patient Access Specialist, Intexo Società Benefit

I farmaci orfani (orphan drugs, ODs) sono medicinali sviluppati ed utilizzati per la diagnosi, la prevenzione e il trattamento di pazienti che soffrono di malattie rare molto gravi per le quali non è stata finora disponibile alcuna cura, o quanto meno una cura soddisfacente. A seguito dell’approvazione di EMA, i tempi complessivi di valutazione per tali farmaci e le conseguenti decisioni sul prezzo e rimborso P&R sono competenza dei singoli stati EU. Ciascuno di essi ha metodologie di valutazione differenti che influiscono sul tempo di accesso per il paziente, creando significative disparità nella disponibilità di tali farmaci nei vari stati. Un recente studio elaborato da Intexo Società Benefit in collaborazione con esperti di accesso degli altri principali paesi europei e presentato al congresso ISPOR Europe 2020 (16-19 Novembre 2020) ha preso in esame il tempo di rimborso (Time to reimbursement -TTR) negli stati europei definiti EU5 -Italia, Germania, Francia, Spagna e Regno Unito- per i 54 ODs approvati da EMA tra Gennaio 2015 e Dicembre 2019. I dati attuali mostrano che i primi malati rari ad avere accesso alle nuove terapie sono i tedeschi, dal momento che in Germania il rimborso è automaticamente concesso a ciascun farmaco al momento dell’autorizzazione europea. Seguono poi, la Francia, il Regno Unito, l’Italia e la Spagna con un tempo di rimborso mediano di 7,5 mesi, 11,5 mesi, 13,7 mesi e 18,1 mesi, rispettivamente. Dei farmaci orfani approvati dall’EMA tra il 2015 e il 2019, oggi solo una percentuale variabile dal 51% al 98% sono rimborsati e disponibili nei 5 Paesi in esame. “La nostra analisi mette in luce la grande differenza nelle tempistiche del TTR e nel numero di ODs disponibili per i malati rari degli EU5 e questo dipende dai diversi processi di valutazione – commenta Mariangela PradaPatient Access Director di Intexo Società benefit. – Un maggiore coordinamento sarebbe auspicabile in modo che i malati rari possano accedere prontamente alle cure, indipendentemente dal paese in cui vivono”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tuti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza