Lotta al cancro a 360 gradi: nasce l’Intergruppo Parlamentare “Oncologia: Prevenzione Ricerca e Innovazione”

Tilde Minasi: "Una nuova sensibilizzazione e attenzione verso gli stili di vita, gli screening e la disponibilità delle migliori terapie"

È nato l’Intergruppo Parlamentare “Oncologia: Prevenzione Ricerca e Innovazione”. La formazione promette un impegno nella lotta al cancro a 360 gradi: dalla prevenzione all’accesso ai farmaci fino al ritorno alla vita dopo la malattia.

Tilde Minasi: “Gravi ritardi nell’assistenza ai pazienti oncologici e nei programmi di prevenzione, che sono stati solo in parte recuperati”

“Ogni anno, in Italia, vengono diagnosticati circa 377mila nuovi casi di tumore e 30mila neoplasie del sangue”, ha affermato la senatrice Tilde Minasi (Lega Salvini Premier – Partito Sardo d’Azione), promotrice dell’Intergruppo.

“L‘alto livello dell’assistenza oncologica nel nostro Paese è evidenziato dalle percentuali di sopravvivenza a 5 anni, che raggiungono il 65% nelle donne e il 59% negli uomini. La pandemia ha però causato gravi ritardi nell’assistenza ai pazienti oncologici e nei programmi di prevenzione, che sono stati solo in parte recuperati”, ha aggiunto Minasi che ha ricordato il caso degli screening oncologici che hanno registrato una riduzione di due milioni e mezzo di esami nel 2020 rispetto al 2019.

Tilde Minasi: “Una nuova sensibilizzazione e attenzione verso gli stili di vita, gli screening e la disponibilità delle migliori terapie”

Lo scopo dell’Intergruppo Parlamentare è favorire, anche mediante interventi normativi, una nuova sensibilizzazione e attenzione verso gli stili di vita, gli screening e la disponibilità delle migliori terapie, a vantaggio dei cittadini, dei pazienti oncologici, delle associazioni e delle società scientifiche, che saranno coinvolte nelle attività dell’Intergruppo”, ha aggiunto Minasi.

“L’Intergruppo vedrà l’adesione di un numero sempre maggiore di senatori e deputati di tutti gli schieramenti perché la lotta al cancro riguarda ciascuno di noi. Ma coinvolgerà anche i rappresentanti delle società scientifiche e delle associazioni dei pazienti in un ruolo attivo e determinante”, ha concluso.