Pharma Il vaccino distribuito da Poste-SDA è l'inizio della deregulation?

Il vaccino distribuito da Poste-SDA è l’inizio della deregulation?

di Francesco Floris

In pandemia, come in guerra, tutto è permesso. Ma fra chi si occupa di logistica farmaceutica la notizia che ad occuparsi del trasporto del vaccino di Moderna verso i luoghi di somministrazione finale sia stata Sda, il corriere espresso di Poste Italiane, ha suscitato clamore nell’ultima settimana. Fino a quel momento il coinvolgimento della controllata di Cdp nella campagna vaccinale contro il Covid aveva riguardato lo sviluppo di un sistema informatico insieme ad Eni per il tracciamento delle dosi. Sistema che al momento è in stallo ed è per ora sostituito da meccanismi di interoperabilità fra l’anagrafica sui vaccini in dialogo con i sistemi regionali e i fascicoli sanitari elettronici. Perché il coinvolgimento di SDA nella parte di logistica e distribuzione ha fatto tutto questo rumore? Perché in Italia c’è una legge, la 219 del 2006, che stabilisce per filo e per segno come va gestita la distribuzione e che caratteristiche devono avere i corrieri che si occupano di trasporto farmaceutico. Vero è che il vaccino di Moderna ha caratteristiche che lo rendono più stabile e per un arco di tempo più lungo rispetto a quello di Pfizer, ma rimane il fatto che un corriere espresso, per quanto dotato nel caso di specie di box termici validati, rimane un corriere espresso. Quindi escluso o comunque a margini di quel perimetro legislativo. “Le nostre merci vanno affidate per legge a corrieri coibentati con strutture garantite che mantengono la temperatura durante tutte le fasi di presa in carico, tragitto e consegna” spiega a True Pharma Pierluigi PetronePresidente di Assoram, l’associazione degli operatori commerciali e logistici di settore. “Ci sono poche realtà che possono fornire questo tipo servizio molto costoso e che hanno messo in campo ingenti investimenti per adeguarsi alla norma – dice Petrone –. È un controsenso che lo Stato obblighi gli operatori di pharma e salute a utilizzare corrieri che rispettano alcune caratteristiche e poi si affidi a SDA, che è un corriere espresso”. Il tema ovviamente non è solo quello del singolo caso di cronaca e della singola consegna legata alla pandemia. Ma attraversa invece le trasformazioni che il Covid sta imponendo, nella logistica come in svariati altri settori. Per esempio: oltre alla distribuzione primaria del farmaco, come andrà interpretata la legge 219/2006 nel momento in cui anche in Italia dovesse sbarcare il nuovissimo servizio lanciato negli Usa di “Amazon Pharmacy”? “Se Poste o chiunque altro vuole entrare in questo mercato ha tutto il diritto di farlo – dichiara il Presidente di Assoram – ma alle stesse condizioni degli altri operatori”. “In generale – chiude Petrone – la pandemia sta cambiando l’approccio a tante cose, allora troviamo con gli esperti le modalità di modificare la legge in base alle criticità che non venivano prese in considerazione pre-Covid, ma facciamolo nell’interesse dell’industria, della collettività e delle istituzioni”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza