Live

Farmaci, accessi e rimborso. In Italia tempi superiori a 220 giorni

L'analisi di Intexo su dati Ema e Aifa: maggiore il costo del farmaco e maggiore lo sconto negoziato

L’analisi di Intexo su dati Ema e Aifa: maggiore il costo del farmaco e maggiore lo sconto negoziato

A cura di Intexo, Società Benefit

A seguito dell’approvazione all’immissione in commercio dei farmaci dall’Agenzia Europea del Farmaco (EMA), un nuovo medicinale per poter essere rimborsato in Italia deve essere valutato anche dall’Autorità Regolatoria italiana (AIFA) allungando così le tempistiche di accesso ai pazienti. Una recente pubblicazione di Intexo Società Benefit ha osservato i tempi medi di valutazione di un dossier da parte di AIFA, dall’apertura in Commissione Tecnico Scientifica (CTS) alla conclusione della procedura, e come le condizioni negoziali li influenzino. Sono stati analizzati 213 nuovi medicinali approvati da EMA tra il 2014 e il 2019, di cui 137 hanno ottenuto il rimborso in Italia con un tempo mediano di 228 giorni (7,6 mesi). Si è osservato come le condizioni negoziali, quali accordi di accesso condizionato (Managed Entry Agreements – MEA), sconti nascosti, tetti di spesa, non influenzino in alcun modo le tempistiche di rimborso. L’unica variabile che ha dimostrato di impattare sul tempo è il riconoscimento dell’innovatività piena, 20% dei farmaci, con una riduzione di 1 mese del tempo di valutazione rispetto ai farmaci non innovativi (5,4 mesi vs. 6,5 mesi). Questo dimostra l’impegno di AIFA nel riconoscere, promuovere e premiare l’innovazione e nell’offrire ai pazienti un rapido accesso a questi farmaci. Osservando le condizioni negoziate dall’Agenzia negli ultimi 5 anni, si può notare come sia stato preferito lo sconto nascosto rispetto ai MEA, probabilmente a causa della complessità della gestione di quest’ultimi.“La nostra analisi completa e rafforza i dati attualmente disponibili sui tempi di rimborso per i farmaci in Italia – commenta Mariangela PradaPatient Access Director di Intexo Società Benefit – che attualmente si limitano ai farmaci oncologici o si concentrano esclusivamente sui tempi di rimborso, senza considerare l’impatto delle diverse condizioni negoziali su di essi e la relazione con i prezzi”. Questa infatti, è la prima analisi in grado di fornire informazioni sulla correlazione tra prezzi dei farmaci e tempo di rimborso, evidenziando come medicinali a minor costo siano rimborsati con tempistiche ridotte del 22%. Questo a dimostrazione di una più attenta valutazione da parte di AIFA sui farmaci a maggior impatto sulla spesa SSN. Focalizzandosi sugli sconti nascosti, l’analisi ha infine evidenziato come maggiore è il costo del farmaco e maggiore è lo sconto negoziato, senza grosse differenze tra farmaci innovativi e/o orfani.