“I nomi della rosa”. In un libro i segreti del mondo delle risorse umane a Milano

Barbara Busetto e Marta Signore raccontano la storia semiseria di una selezione managerialeMercoledì 18 la presentazione allo Swiss Center di Milano

“Ci sono cose che, quando capitano, causano sempre e comunque una sfilza devastante di effetti negativi a catena. Una di queste è la raccomandazione”.  Che cosa può accadere quando ci si mette alla ricerca di un Direttore Commerciale? Sicuramente molte più cose di quante si possano immaginare, tra eventi inattesi, sinistri e colpi di scena, che proiettano i vari attori in un un giallo in cui scoprire l’enigma significa anche portare a compimento la selezione stessa.

Questa l’idea da cui nasce il libro “I nomi della rosa”, pubblicato da Mind Edizioni.  Sottotitolo: “Storia semiseria di una selezione”. Le autrici sono Barbara Busetto (HH) e Marta Signore (HRD): la prima è head hunter (= cacciatrice di teste), la seconda human resources director (= direttore risorse umane, anticamente “capo del personale”). Due addette ai lavori milanesi, che raccontano un mondo fatto di linguaggi, gerghi, procedure, tecniche del tutto peculiari, in gran parte misteriose al “resto del mondo”, che si muove per circuiti riservati basati sulla discrezione.

Storia semiseria di una selezione manageriale

Un libro con una trama, anzi con più trame che si intrecciano tra loro, e insieme momenti di riflessione e approfondimento professionale. Imparare divertendosi, potremmo dire. La storia è raccontata con ironia e presenta situazioni – tra il serio e il comico – che invitano ad arrivare alla fine per scoprire la soluzione di questo “giallo” aziendale. Nel frattempo il lettore acquisisce informazioni sul funzionamento della selezione manageriale, traendo utili spunti su come comportarsi ma anche e soprattutto su come NON comportarsi nel caso fosse candidato a una posizione manageriale. Un testo sorprendente, fresco, a metà fra il manuale pratico e il romanzo aziendale. Utilissimo alla fine il glossario dei termini (quasi tutti inglesi, of course) usati nel settore.

Le autrici lo presentano a Milano prima mercoledì 18 gennaio alle 18 allo Swiss Center di Via Palestro 2, per un pubblico di manager, e successivamente, l’8 febbraio alle 17, nella sede milanese  dell’Università Giustino Fortunato, in Galleria del Corso 2, per un pubblico di studenti.

Per informazioni: [email protected].

 

 

“I nomi della rosa”
Storia semiseria di una selezione
Mind Edizioni
Barbara Busetto (HH) e Marta Signore (HRD)
18,00