Future Renault e IKEA lavorano a Höga, la macchina elettrica che ti puoi...

Renault e IKEA lavorano a Höga, la macchina elettrica che ti puoi montare da solo

Un totale di 374 pezzi nei soliti scatoloni di IKEA. Questa volta, però, il manuale d’istruzioni sarà un po’ più voluminoso di quello di una Billy, perché servirà a montare una minuscola city car. È questo il progetto che vede allearsi Renault e Ikea per realizzare una macchina (finora solo una concept car) elettrica pensata per le città. Il nome in codice è “Höga” (“alto” in svedese) e il designer a capo dell’operazione è Ryan Schlotthauer, che ha ideato una vettura di 2,3 metri d’altezza per 1,8 di lunghezza.

Una trovata bizzarra, le cui linee sono fortemente influenzate dalla scuola di design e progettazione Bauhaus, ma che porterà le due aziende a produrre un veicolo funzionante, semplice e montabile direttamente a casa. Il costo? Circa 5300 euro. 

Renault e Ikea: Höga, la macchina piccola per grandi città

Una volta assemblata, Höga è una city car con grandi finestrone con cui è possibile muoversi (in solitaria: non c’è molto spazio), portando con sé una bici o una sedia a rotelle o una carrozzina. Una macchinina che sembra uscita dal mondo dei Lego, che tradisce però una chiara visione del futuro metropolitano, fatto di veicoli piccoli, smart, elettrici (ovviamente), pensati per una mobilità sostenibile. 

Sul sito Behance si possono trovare più informazioni e disegni del progetto, pensato per avere una struttura semplicissima. La base è “a skateboard”, una tavola con quattro ruote sulla quale si va a montare l’abitacolo dalla forma trapezoidale. Soprattutto, si vede anche lo scatolone con cui la concept car potrebbe essere venduta e consegnata. Al posto dei canonici scatoloni piatti di cartone a cui Ikea ci ha abituati, ecco una scatola di legno, alta circa un metro, al cui interno c’è tutto l’occorrente per costruirsi la vettura in garage.

Renault e Ikea, l’auto Höga è “un ponte”

Secondo Ikea Höga “è un concetto costruito letteralmente sull’idea di un ponte. Mira a chiudere il divario tra chi vive nei sobborghi meno costosi, per lavori e mobilità che sono nelle città urbane più densamente popolate”.

Funzionerà? Lo vedremo. Intanto il progetto serve a entrambi i partner per i propri rispettivi obiettivi aziendali. A Renault per proseguire lo sviluppo di veicoli elettrici anche non convenzionali, imparando tecniche che possono tornare utili per modelli di automobili più “ufficiali”. E a Ikea, ovviamente, per confermare al mondo che il suo raggio d’azione è il mondo intero: la casa, certo, ma anche ciò che è al di fuori delle nostre abitazioni. E come ci muoviamo quando siamo fuori casa.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

Green pass: come ottenerlo e quando, in quali occasioni è obbligatorio – LA GUIDA

I vacanzieri italiani stanno scaldando i motori. C’è chi è già in villeggiatura, ma molti si stanno preparando per godersi quest’estate, dopo...

Bonus vacanze 2021 aggiornamento: come, quando e dove usarlo

Tempo di vacanze, esodi di massa? Quasi: 41 milioni di italiani si concederanno un periodo di ferie lontano da casa, ben 11...

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate