Economy Lo studio definitivo sulla "Zoom fatigue" dei cervelloni di Stanford

Lo studio definitivo sulla “Zoom fatigue” dei cervelloni di Stanford

A quasi un anno dallo scoppio della pandemia, siamo ormai stanchi di sentire parlare di videoconferenze e della cosiddetta “Zoom fatiche”, l’affaticamento da Zoom che tutti noi abbiamo provato in questi mesi. Anche True Working ne ha già parlato, ma ora è arrivato lo studio definitivo sull’argomento fatto dalla prestigiosa Stanford University, che ha delineato le quattro “vere” ragioni alla base del disagio e della stanchezza che proviamo dopo essere stati per ore in una videochiamata. Vediamole:

1) Partiamo dalla più banale: guardarsi così tanto negli occhi non è normale. Non ci siamo abituati e mette ansia, perché va a toccare le stesse corde alla base della fobia del discorso pubblico: “Mio dio, tutti mi stanno guardando!”. Anche la distanza tra la faccia e la videocamera è importante: secondo i ricercatori di Stanford, infatti, “quando nella vita reale il viso di qualcuno è troppo vicino al nostro, il nostro cervello lo interpreta come una situazione intensa che porterà o all’accoppiamento o al conflitto”. Infatti, conclude il Professor Jeremy Bailenson, “dopo ore passate su Zoom si è spesso in una situazione di iper-eccitamento”.
La soluzione? Ridurre la dimensione delle finestre e usare una tastiera esterna per poter restare più distanti dall’obiettivo (e dagli occhi altrui).

2) A seguire, una forma di stress tutto personale e interno a ciascuno di noi, causata dal vedersi continuamente sullo schermo – altra cosa a cui il nostro cervello non è di certo abituata. È come essere seguito di continuo da qualcuno con uno specchio puntato su dire, conclude lo studioso.
La soluzione? Cambiare le impostazioni per non visualizzare la propria faccia sullo schermo, pur trasmettendo la ripresa agli altri.

3) C’è poi la questione del movimento. La camminata, lo spostamento, alzarsi in piedi… Tutte cose perdute su Zoom e simili, la cui assenza contribuisce a rendere le video-interazioni “non umane”. Secondo alcuni studi citati da Bailenson, ad esempio, “quando la gente è in movimento è in una migliore condizione cognitiva”.
La soluzione? Giocare con la spazialità della stanza dalla quale ci si connette. La tastiera esterna va usata come sopra ma anche una webcam esterna può aiutare a creare un quadro più “dinamico” dell’ambiente.

4) Infine, il “peso cognitivo” delle video chat, molto più pesante di quelle delle interazioni tradizionali. Il motivo è semplice: ogni segnale non verbale viene tagliato e l’utente è costretto a fare segnali continui per dimostrare attenzione o dare feedback agli altri partecipanti. Inoltre, ogni espressione o gesto spontaneo, in queste situazioni, può venire interpretato in modo inaspettato, aumentando lo stress.
La soluzione? Concedersi, durante le riunioni più lunghe, una “pausa audio” in cui tutti disattivano il video, iniziando una grande telefonata collettiva, di fatto.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita

Nei CdA italiani le donne sono il 38%

In Italia 46 donne Ceo. Nel nel settore sanitario sono il 70% della forza lavoro ma solo il 25% in posizioni di leadership. Ma le leggi funzionano: Quando Lella Golfo ha presentato la legge nel 2011, c'erano solo 170 donne nei Consigli di Amministrazione italiani, contro più di 2.700 uomini, un livello del 6%. Oggi siamo al 38%