Economy Il mestiere del rider, dopo il caso Zappalà

Il mestiere del rider, dopo il caso Zappalà

Era una favola. Anzi, una leggenda, visto il misto di finzione e realtà che la contraddistingue. Parliamo di quella che è stata, per il mondo del lavoro in Italia, la storia della settimana: la leggendaria vicenda di Emiliano Zappalà raccontata dalla Stampa in un articolo firmato da Antonella Boralevi. E ci dobbiamo fermare subito perché in realtà il protagonista si chiama Emanuele, non Emiliano – ma tranquilli, è solo una delle tante stranezze del pezzo. Sin dalle prime ore dalla sua pubblicazione in molti si sono chiesti quanto potesse essere vera la vicenda di un ex commercialista che “invece di chiedere il reddito di cittadinanza, si è messo a lavorare” come rider. E con che risultati! “Guadagna 2000 euro netti al mese e,” assicurava Boralevi, “certi mesi, anche 4000. Uno stipendio da manager. Ed è felice.”

Ebbene, se oggi andate sul sito della Stampa vedrete che il titolo del pezzo è contrassegnato da un asterisco, che indica una serie di incredibili correzioni al suo contenuto. Ad esempio l’età (37, non 35 anni), il mezzo utilizzato dal rider (non la bici) e il fatto che non fosse stato un commercialista quanto un tirocinante per uno studio di consulenza sulle buste paga. Dettagli! A smontare il pezzo, oltre che l’orda di commenti sui social e alcune ricostruzioni giornalistiche, è stato Zappalà stesso. L’origine dell’articolo è stata fatta risalire a un’intervista al Messaggero rilasciata dal rider (poi scomparsa dal web) da cui l’autrice del giornale di Torino aveva attinto, per poi sbizzarrirsi con un discorso sulla “speranza” e la “dignità” dei lavoratori.

La verità, per favore sui rider

Parole grosse, per un lavoro come il rider. Non che le persone che fanno questo lavoro non siano degne, ovviamente, ma sarebbe miope – per non dire altro – limitarsi a classificare quello del rider (o gli shopper) come un mestiere o un “lavoretto” come un altro, senza sottolineare le condizioni di lavoro pessime, al limite dello sfruttamento, a cui sono sottoposte. Nessun diritto, nessuna garanzia, paghe da fame, il pericolo intrinseco del muoversi in città in mezzo al traffico (in bici o motorino), la spada di Damocle dell’algoritmo di Deliveroo e simili, che impone orari e mette fretta, specie in alcuni momenti della giornata o della settimana (pause pranzo, il sabato sera…). Soli contro il traffico, la pandemia e ogni tentativo di tutela sindacale, persone come Zappalà fanno un lavoro difficile e faticoso. Ogni tentativo di celebrazione, oltre che infondato, non fa che rinnegare la realtà dei fatti, invece di cambiarla. E se, tra il disprezzare il reddito di cittadinanza e il raccontare favole, la soluzione fosse nel mezzo, cioè nel dire le cose come stanno?

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita

Nei CdA italiani le donne sono il 38%

In Italia 46 donne Ceo. Nel nel settore sanitario sono il 70% della forza lavoro ma solo il 25% in posizioni di leadership. Ma le leggi funzionano: Quando Lella Golfo ha presentato la legge nel 2011, c'erano solo 170 donne nei Consigli di Amministrazione italiani, contro più di 2.700 uomini, un livello del 6%. Oggi siamo al 38%