Economy Vivremo tutti in "città secondarie"?

Vivremo tutti in “città secondarie”?

Di fuga dalle città parliamo ormai da marzo, da New York a Milano. Un fenomeno inevitabile, visto lo smart working generalizzato e le metrature ridotte degli appartamenti cittadini, fatti per una vita dinamica, e non per il pigiama. Qualcuno è tornato a casa, qualcuno ha trovato un affare su Airbnb o sperimentato il lavoro remoto da una località esotica, ma a vincere saranno le cosiddette “città secondarie”.

Centri medi, cittadine e capoluoghi di provincia, meglio se vicini alle metropoli principali, a un’oretta di treno o macchina ma abbastanza distanti dal calderone urbano per garantire spazi più ampi e lussi quali un giardino o una camera in più. Così, mentre da una parte gli affitti a Milano scendono dopo chissà quanto anni di aumenti continui, alcuni centri che rischiavano di diventare città-fantasma si ripopolano.

Rimanendo su Milano, le città secondarie sono le classiche Bergamo, Monza e Pavia. Ma, allargando il raggio d’azione, anche Bologna e Torino possono riposizionarsi come tali, grazie alle possibilità dell’alta velocità. La geografia del lavoro è destinata a cambiare, anche nel post-Covid.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Sose, società partner del Mef per l’analisi dei dati fiscali

SOSE è la società che si occupa per il ministero della Finanza (Mef) dell’analisi dei dati fiscali. Ecco quali sono i suoi compiti

Webuild: Salini Impregilo lancia la sfida per le grandi opere

Webuild, di cui Salini è il socio di maggioranza, ha una partecipazione azionaria composita, che va dalla CDP fino a varie banche coinvolte

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tuti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura