Economy Il futuro dei viaggi di lavoro, dopo Zoom e le videocall

Il futuro dei viaggi di lavoro, dopo Zoom e le videocall

Prima o poi, e speriamo più prima che poi, torneremo a viaggiare. Forti dei nostri vaccini, torneremo su treni, aerei, autobus, magari in tempo per le vacanze estive. Quello degli spostamenti aerei è stato uno dei settori più devastati dalla pandemia, che in Italia ha registrato un -60% (dati: gennaio 2021), facendo tornare il settore al indietro di quasi vent’anni, al 2003.

Risultato, una catastrofe per tutto l’indotto aeroportuale e un’enorme speranza per il futuro. Speranza che, però, potrebbe doversela vedere con i cambiamenti delle abitudini di molti nel corso dell’ultimo anno. Le videoconferenze esistevano da tempo, ad esempio, ma solo dall’aprile 2020 sono diventate essenziali per tutti. Nonostante gli impacci e lo stress che spesso provocano, tutte cose di cui True Working si è occupata spesso, le comodità di Zoom, Microsoft Teams, Google Meet e compagnia sono innegabili. E saranno difficili da dimenticare.

Quanto sarà probabile tornare a salire su aereo o un treno ad alta velocità per un incontro di lavoro, quando l’alternativa è ormai nota a tutti? Economica e semplice, la videoconferenza rischia di intaccare sensibilmente un business che, secondo cifre riportate dal New York Times, avrebbe un giro d’affari da 1,4 trilioni di dollari.

Pensateci, quante volete siete andati a Roma o Milano per un incontro che “poteva essere una mail”, come si suol dire? E quanti di quelli, oggi, potrebbero essere fatte dal computer? Mentre le industrie legate al viaggio e al turismo aspettano con ansia un giorno migliore, vale la pena anche chiedersi cosa ci sarà dall’altra parte del tunnel, ora che la luce alla sua fine è così vicina a noi.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Forza Italia a Milano, ecco la lista dei candidati: dentro Vedani e Bestetti. Santa Maria all’Urbanistica in caso di vittoria. Rumors

Milano, ecco la lista dei candidati di Forza Italia. E c'è attesa per il nome del candidato sindaco del centrodestra

Verona, il sindaco Federico Sboarina dalla Lega a Fratelli d’Italia. Tensioni nel Carroccio

Dopo l'addio del sindaco di Verona Federico Sboarina, direzione Giorgia Meloni, nella Lega salgono le tensioni. Si attende il nome per Milano

Dopo la terza ondata Covid le nostre città sono sicure? Nuova puntata di “The True Show” – VIDEO

Dopo la terza ondata Covid si riparte. Ma ci sono stati anche molti casi di violenza. Le nostre città sono sicure? Guarda “The True Show”

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Festival dell’Economia di Trento, Tito Boeri “sacrifica” gli economisti e l’evento diventa un flop

Il primo Festival dell'Economia di Trento post-Covid è un flop con poche riflessioni di sostanza. Pochi gli economisti, tanti i giornalisti

Recovery Plan, quali parole ricorrono nel documento? Vincono “Resilienza” e “digitale”, bye bye per “stipendio” e “abitare”

Le parole più citate nel documento del Recovery Plan? "Resilienza" e "digitale". Maglia nera per "stipendio" e "abitare"

Varie ed eventuali sull’evoluzione dell’economia

da Webuild a Flavio Briatore passando per la cybersicurezza: notizie in pillole sull'evoluzione dell'economia

Il G7 2021 in Cornovaglia partorisce la “global minimum tax”: ecco le basi per l’accordo

Tassa minima del 15%, applicata Paese per Paese, non più vincolata al domicilio fiscale di una multinazionale. Se ne è parlato al G7 2021

La tassa patrimoniale è una misura poco italiana: in 100 anni applicata solo 6 volte

La tassa patrimoniale in Italia? Approvata solo in emergenza. Lo dimostra che in 100 anni è stata applicata soltanto sei volte. Ma da chi?