Economy La ricetta per un ufficio migliore, più efficiente e “ibrido”

La ricetta per un ufficio migliore, più efficiente e “ibrido”

Tutti lavorano da casa. Ma, allo stesso tempo tutti sono tenuti a passare in ufficio di tanto in tanto. È la strategia assunta da Quora, il famoso sito di domande e risponde, il cui CEO ha voluto chiarire sin da subito la situazione: si lavora da dove vi pare, l’importante è lavorare. La sua missione è “evitare che l’ufficio diventi la ‘vera’ sede”.

È un equilibrio complicato, quello del cosiddetto “ufficio ibrido”, nato e affermatosi con la pandemia. Un modello in cui la sede c’è ed è frequentata ma è solo il centro di un reticolo di luoghi in cui i dipendenti possono – devono – lavorare.

Secondo uno studio pubblicato dalla rivista Harvard Business Review, gli uffici del futuro dovranno puntare su socialità e apprendimento. È un’analisi importante per il terziario in tutto il mondo, che si deve preparare a uno scenario i cui le sedi saranno ancora una realtà, ma non più l’unica scelta. E un’azienda capace di intercettare le esigenze in mutamento dei lavoratori è destinata a essere più produttiva – e attirare i migliori talenti.

Un’àncora per il team

Gli autori dell’articolo sono Anne-Laure Fayard, John Weeks e Mahwesh Khan. Secondo i tre la prima funzione di un ufficio ibrido è di “ancora sociale”, un luogo in cui incontrarsi, conoscersi e approfondire pratiche di lavoro spesso portate avanti online. Da accompagnare insomma alla più fretta relazione tipica delle videoconferenze, insomma.

Imparare sempre

In secondo luogo un ufficio buono per il futuro è un luogo dove imparare, aggiornarsi e formare il personale. Non si parla solo di formazione professionale in senso stretto ma di insegnamenti sulla cultura aziendale: “ecco come facciamo queste cose da queste parti”. Certo, c’è sempre la possibilità dell’e-learning ma lo sfruttamento di un luogo fisico può aiutare l’apprendimento.

Un hub per la collaborazione

Lavorare in team remotamente è possibile ma è la distanza ha inevitabili conseguenze su quella che gli autori definiscono “collaborazione non strutturata”. Quell’insieme di pratiche, abitudini e casualità che la vita d’ufficio, specie nelle grandi aziende, porta con sé – l’essere mandati in un altro ufficio a parlare con tale dipendente di una cosa, poter chiacchierare con i propri colleghi… Non sono dettagli. Un ufficio ibrido può mantenere parte di questa collaborazione anche con team che convergono in ufficio poche volte alla settimana, giusto il tempo di ricrearne la magia.

Felici (e produttivi)

Ammettiamolo: c’è qualcosa che non va nei luoghi di lavoro tradizionali. Per questo la pandemia è stata anche l’occasione di ripensarli e correggere alcuni errori e vizi di quel sistema. “Se tornare in ufficio significa solo lavoro individuale e riunioni su singole task, allora abbiamo sprecato le buone lezioni della pandemia”, dicono gli autori. I quali puntano sull’idea di un luogo di lavoro armonioso e rilassante, anche per rendere più allettanti le visite in ufficio.

L’importanza delle connessioni

In generale l’articolo – e in generale la letteratura sull’argomento – si concentrano sulle connessioni e la loro importanza. Visto che non c’è più così tanto bisogno di recarsi sempre in ufficio, i posti di lavoro devono aumentare la qualità dei loro spazi e dei loro ambienti, anche personali. Solo così potranno mantenere attive le relazioni tra dipendenti e collaboratori – anche se non sono ogni giorno sotto lo stesso tetto.

(Foto: Vitra / Google)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita

Nei CdA italiani le donne sono il 38%

In Italia 46 donne Ceo. Nel nel settore sanitario sono il 70% della forza lavoro ma solo il 25% in posizioni di leadership. Ma le leggi funzionano: Quando Lella Golfo ha presentato la legge nel 2011, c'erano solo 170 donne nei Consigli di Amministrazione italiani, contro più di 2.700 uomini, un livello del 6%. Oggi siamo al 38%