Economy Spiare gli studenti con la scusa del Covid

Spiare gli studenti con la scusa del Covid

Pandemia e smart working di massa hanno causato l’esplosione dei software di sorveglianza per dipendenti, di cui True Working ha già parlato. Ma i lavoratori non sono gli unici ad aver cambiato radicalmente le loro abitudini: anche gli studenti e le studentesse di mezzo mondo sono state costrette – in modo più o meno continuativo – alla cosiddetta dad, la didattica a distanza.

E se le lezioni sotto forma di videoconferenze sono di per sé un affare delicato, figuriamoci le verifiche e le interrogazioni, che nonostante la distanza rimangono essenziali nel giudizio degli alunni. Per prevenire imbrogli da parte degli studenti, alcune scuole e università sono corse ai ripari con meccanismi di sorveglianza simili a quelli subiti dai telelavoratori pandemici.

L’e-learning spione

Piattaforme di e-learning come Proctorio, ad esempio, possono trasformare il computer dell’ingenuo iscritto in una macchina-spia che si mette alla ricerca di qualsiasi comportamento ritenuto “sospetto” (l’apertura di una finestra, un movimento del mouse…). Da tempo l’azienda produttrice della piattaforma si vanta di uno studio, secondo cui su “29 corsi tenuti da 2686 studenti” gli esami tenuti senza usare Proctorio avevano risultati finali più bassi del 2,2%”. Ma a un’analisi più attenta lo studio non dimostrerebbe il rigore garantito dalla piattaforma quanto l’ansia aggiuntiva che provoca in chi la usa.

Il pericolo della copiatura non è l’unico motore della nuova sorveglianza degli studenti. Come racconta The Chronicle of Higher Education ci sono istituzioni come l’University of Oakland che ha deciso tutto di puntare sul “Biobutton”, una specie di spilla che monitora temperatura e battito cardiaco degli studenti per determinare in anticipo chi di loro ha sintomi sospetti. Il dispositivo era obbligatorio ma, dopo le prevedibili polemiche, è ora opzionale, anche se consigliato.

Poveri studenti, quindi, spiati sia dai loro stessi computer che dagli stessi accessori che indossano. E c’è chi teme che questo sia solo l’inizio, che la dad non scomparirà mai del tutto – e nemmeno questo spionaggio ai danni degli studenti.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita

Nei CdA italiani le donne sono il 38%

In Italia 46 donne Ceo. Nel nel settore sanitario sono il 70% della forza lavoro ma solo il 25% in posizioni di leadership. Ma le leggi funzionano: Quando Lella Golfo ha presentato la legge nel 2011, c'erano solo 170 donne nei Consigli di Amministrazione italiani, contro più di 2.700 uomini, un livello del 6%. Oggi siamo al 38%