Economy Diritto alla disconnessione: l’Italia è tra le prime a muoversi

Diritto alla disconnessione: l’Italia è tra le prime a muoversi

È da tempo che si parla di diritto alla disconnessione, quello che permette al lavoratore anche in remoto di “staccare” dal lavoro senza rispondere a mail e telefonate. Un argomento che era caldo già da prima del Covid, per via del dilagare di chat aziendali, Slack e posta elettronica. È ovvio che la pandemia abbia accelerato la discussione, tanto che si è mossa al riguardo anche l’Unione europea. È successo lo scorso dicembre, quando la Commissione per l’occupazione e gli affari sociali ha presentato una Proposta di Risoluzione sull’argomento.

“Essere costantemente connessi, – si leggeva nel documento – insieme alle forti sollecitazioni sul lavoro e alla crescente aspettativa che i lavoratori siano raggiungibili in qualsiasi momento, può influire negativamente sui diritti fondamentali dei lavoratori nonché sulla loro salute fisica e mentale e sul loro benessere”. Gli Stati membri erano quindi invitati a legiferare e agire per rinforzare la barriera tra lavoro e vita personale, messa in pericolo da lockdown e smart working. Ebbene, la notizia è che il governo italiano si è mosso sin da subito in questa direzione.

Lo ha fatto con il DL n. 30 del DL 13 marzo 2021, in discussione in Aula alla Camera il 19 aprile 2021, che prevede per il dipendente in modalità agile il diritto di disconnettersi dalle “strumentazioni tecnologiche e dalle piattaforme informatiche”. Il tutto, ovviamente, dev’essere fatto sulla base degli accordi sottoscritti con il datore di lavoro. La legge prevede anche dei periodi di reperibilità, sempre da fissare in precedenza. L’obiettivo è quindi di creare un cuscinetto tra vita privata e professionale, i cui confini e meccanismi devono essere fissati con precisione.

Certo, una volta fatta la legge si aprirà la questione degli accordi tra lavoratore e datore di lavoro, un’area che rischia di diventare zona grigia in cui poco cambia – o quasi. Ma la legge sarebbe comunque un notevole passo avanti nel riconoscimento delle peculiarità del lavoro agile e, in generale, del lavoro contemporaneo, basato su piattaforme digitali dalle quali è difficile staccare.

Il percorso legislativo dovrebbe arrivare a termine il 12 maggio 2021. Ne riparleremo.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tutti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura