Economy Si torna a scuola sotto i 12 anni, mentre si contano i...

Si torna a scuola sotto i 12 anni, mentre si contano i danni della Dad

Un male comune e necessario. O, meglio ancora, piuttosto che niente… meglio la Dad. Non ci sono grandi dubbi sulle carenze e i limiti della cosiddetta “Didattica a Distanza” (Dad) e tutti gli studi e i sondaggi al riguardo sembrano concordare. La Dad ha aumentato le disuguaglianze negli apprendimenti – a seconda delle scuole, delle fasce di reddito e delle regioni. Anche per questo, il governo Draghi ha deciso il ritorno di tutti gli under-12 in classe dal 7 aprile. Anche nelle zone rosse.

Il rapporto di Treu

Non sono supposizioni. Tiziano Treu, presidente del Cnel (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro), ha usato parole dure inviando la relazione 2020 al Parlamento sulla qualità dei servizi offerti dalle Amministrazioni pubbliche. La pandemia, si legge, “ha avuto un effetto dirompente su tutti i servizi pubblici, sia a livello centrale che locale, accentuandone le criticità e facendo emergere la ‘fragilità del sistema delle pubbliche amministrazioni”.

Ma non si tratta solo delle difficoltà di insegnamento e apprendimento via computer. Certo, la scuola digitale prevede un processo diverso e più impacciato ma rimane comunque possibile, se si hanno gli strumenti. Ed è quel “se” il problema, perché per strumenti non intendiamo solo computer e tablet ma infrastrutture e connessioni internet degno del XXI secolo, ancora latitanti in molte zone d’Italia.

Digital divide

Treu ha ricordato come “l’aumento della povertà e il peggioramento delle condizioni di vita, certificati dall’Istat” abbiano ripercussioni sui servizi pubblici. Queste mancanze dipendono “dai mancati investimenti dell’ultimo ventennio nei servizi sociali e nella sanità, innanzitutto, nella scuola e università, nelle infrastrutture e nella digitalizzazione e informatizzazione, dalla mancanza di una visione a lungo termine”.

Risultato: il circolo vizioso del digital divide, per cui le persone meno connesse hanno imparato meno e peggio. Il rapporto del Cnel cita inoltre uno studio della Banca Mondiale secondo cui la chiusura delle scuole potrebbe portare a un aumento del 25% degli studenti quindicenni “al di sotto del livello minimo di competenze”.

I numeri in Italia

Attenendoci al caso italiano, sono 10,8 milioni gli studenti – dal livello pre-primario a quello universitario – che hanno perso quasi “un quarto di anno scolastico”, con un calo degli apprendimenti che arriva al 30%. Numeri pesantissimi, non solo dal punto di vista umano. Perché peseranno nell’economia, con un impatto del Learning loss pari “stimato in una perdita di Pil dell’1,5% annuo per il resto del secolo”.

È per questo che le associazione di categoria – oltre che i genitori – hanno festeggiato il ritorno a scuola. Il quale rappresenta un rischio, sia chiaro, ma un rischio che si è disposti a correre. Anche perché ormai siamo costretti a farlo.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Forza Italia a Milano, ecco la lista dei candidati: dentro Vedani e Bestetti. Santa Maria all’Urbanistica in caso di vittoria. Rumors

Milano, ecco la lista dei candidati di Forza Italia. E c'è attesa per il nome del candidato sindaco del centrodestra

Verona, il sindaco Federico Sboarina dalla Lega a Fratelli d’Italia. Tensioni nel Carroccio

Dopo l'addio del sindaco di Verona Federico Sboarina, direzione Giorgia Meloni, nella Lega salgono le tensioni. Si attende il nome per Milano

Dopo la terza ondata Covid le nostre città sono sicure? Nuova puntata di “The True Show” – VIDEO

Dopo la terza ondata Covid si riparte. Ma ci sono stati anche molti casi di violenza. Le nostre città sono sicure? Guarda “The True Show”

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Festival dell’Economia di Trento, Tito Boeri “sacrifica” gli economisti e l’evento diventa un flop

Il primo Festival dell'Economia di Trento post-Covid è un flop con poche riflessioni di sostanza. Pochi gli economisti, tanti i giornalisti

Recovery Plan, quali parole ricorrono nel documento? Vincono “Resilienza” e “digitale”, bye bye per “stipendio” e “abitare”

Le parole più citate nel documento del Recovery Plan? "Resilienza" e "digitale". Maglia nera per "stipendio" e "abitare"

Varie ed eventuali sull’evoluzione dell’economia

da Webuild a Flavio Briatore passando per la cybersicurezza: notizie in pillole sull'evoluzione dell'economia

Il G7 2021 in Cornovaglia partorisce la “global minimum tax”: ecco le basi per l’accordo

Tassa minima del 15%, applicata Paese per Paese, non più vincolata al domicilio fiscale di una multinazionale. Se ne è parlato al G7 2021

La tassa patrimoniale è una misura poco italiana: in 100 anni applicata solo 6 volte

La tassa patrimoniale in Italia? Approvata solo in emergenza. Lo dimostra che in 100 anni è stata applicata soltanto sei volte. Ma da chi?