Economy Alfredo Robledo: amato a Monza, odiato a Milano

Alfredo Robledo: amato a Monza, odiato a Milano

di Francesco Floris

La notizia è di quelle da trafiletto. Il 30 aprile la città Monza ha affidato all’azienda Sangalli Giancarlo Srl il contratto per i servizi di igiene urbana. Valore complessivo dell’appalto? 94 milioni di euro. Si parte fra tre mesi con quattro macro-obiettivi: efficientamento del sistema di raccolta rifiuti e dei servizi di pulizia; miglioramento della raccolta differenziata sia a livello qualitativo che quantitativo per raggiungere una quota pari al 70% il primo anno, 80% a regime; miglioramento del decoro urbano con la riduzione dei tempi di esposizione dei rifiuti e la riduzione dei disagi derivanti dal divieto di sosta per la pulizia delle strade. Ultimo? Introduzione di un sistema efficace di controllo.

Impresa Sangalli si traduce con un nome e un cognome: Alfredo Robledo. L’ex pm anti-corruzione di Milano, spina nel fianco del Consiglio Superiore della Magistratura, e che prima di essere demansionato dall’organo di governo delle toghe ha dato battaglia all’ex capo procuratore di Milano, Edmondo Bruti Liberati, per una serie di storie che non tornavano nell’affidamento dei fascicoli dentro la procura che fu di Mani Pulite, raccolte dal giornalista Riccardo Iacona nel libro “Palazzo d’ingiustizia”.

Robledo, l’ex pm diventato manager

Amareggiato dalla vicenda, Robledo ha lasciato la magistratura e si è messo a fare il manager. Numero uno di una delle più importanti imprese private per la gestione di rifiuti e servizi ambientali integrati. Che stravince a Monza. E perde a Milano. È il caso dell’appalto da 2,41 miliardi che Palazzo Marino ha affidato in toto alla municipalizzata Amsa per il servizio di gestione dei rifiuti urbani con ridotto impatto ambientale. Sette anni con possibilità di proroga biennale per l’intero territorio della città inclusi i servizi di spazzamento, la raccolta, il trasporto e lo smaltimento. Non ci è stato l’ex magistrato che fermava gli appalti da procuratore e lo ha fatto nuovamente da dirigente d’azienda bloccando tutto ricorrendo al Tar e ottenendo un’ordinanza favorevole dai giudici amministrativi, almeno in via preliminare.

I competitor di Amsa hanno contestato due aspetti della gara milanese. Le tempistiche: 90 giorni di tempo. Pochi, secondo loro (e secondo i giudici amministrativi), per presentare documentazione e offerte tecniche complesse che includessero il reperimento già avvenuto di “impianti di smaltimento/recupero” dei rifiuti conferiti “che l’Appaltatore dovrà dimostrare di aver reperito tramite procedure competitive”.

Alfredo Robledo, il nome che fa tremare Milano

Ma soprattutto ad essere oggetto del ricorso è stata la modalità del “lotto unico”. Tradotto: l’appalto sull’intero territorio della città invece che suddividerlo in porzioni più picocle, come indica la giurisprudenza di specie. Una modalità che secondo il Tar Lombardia, favorisce una “ragionevole divisione in lotti”, fondata sull’esigenza di favorire “la partecipazione delle piccole e medie imprese”, ma anche e soprattutto “sull’esigenza di assicurare realmente la libera concorrenza e la non discriminazione tra i contendenti, cioè finalità di eminente interesse pubblico”. Amsa, non costituita in giudizio, ma soprattutto il Comune di Milano sono certi di aver fatto tutto a norma. Mentre i giudici Giordano, Fornataro e Mameli il 24 febbraio scorso hanno dato ragione all’Impresa Sangalli sospendendo la gara e parlando di un “pregiudizio grave ed irreparabile derivante dall’esecuzione degli atti impugnati”. Sono trascorsi quasi tre mesi da quella pronuncia, ma del nuovo capitolato d’appalto a oggi non c’è traccia.

Si trema a Milano ogni volta che compare il nome di Alfredo Robledo. Se lo ricordano i suoi ex colleghi in Porta Vittoria, oggi alle prese con la nomina del nuovo capo procuratore che sostituirà Francesco Greco, mentre sulla magistratura ancora incombe l’eredità e gli asti del “caso Palamara”. Ma si trema anche negli uffici dell’amministrazione pubblica milanese. Per informazioni e chiarimenti: citofonare Monza.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Gig economy, significato e non solo: tutto quello che c’è da sapere

Che cos'è la Gig Economy? Perché questo fenomeno economico che sta crescendo a velocità esponenziale divide tanto l’opinione pubblica?

Concorsi scuola 2021: docenti e personale ATA

Diversi i concorsi scuola previsti nel 2021: tra questi 2 concorsi straordinari e 2 ordinari per docenti e uno per personale ATA

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Reinventing Cities: pasticcio su Ferrovienord. Vince Hines ma il Nodo Bovisa è a rischio

L'offerta di Hines vince su Bovisa con 35 milioni per le aree. Ma c'è una sede di Ferrovienord che da sola costa 60 milioni di euro e non è prevista dal bando. Chi la paga? Ora la gara di Reinventing Cities rischia lo stallo. Manca una firma e il peso è tutto sulle spalle del dirigente di Palazzo Marino, Marino Bottini

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita