Live

Elezioni Milano, Librandi fa la corte a Lupi: “Vieni con Sala a fare il vicesindaco”

A "The True Show" Maurizio Lupi corteggiato da Gianfranco Librandi, leader dei Riformisti, tra i più accesi supporter di Beppe Sala

L’audio rubato a Luca Bernardo, in cui il candidato sindaco bacchetta il centrodestra dicendo “Soldi dai partiti o mi ritiro”, continua a far discutere. “In quella chat non c’ero io ma Alessandro Colucci”, specifica Maurizio Lupi (Noi con l’Italia), ospite della trasmissione televisiva “The True Show”,  che andrà in onda questa sera dalle 19.20 alle 20.20 su Telelombardia. Poi commenta: “Per quanto riguarda i soldi, ognuno fa quel che può. Non avrei mai fatto un audio di questo genere perché non fa onore proprio al candidato, che si è candidato a Milano per amore e non per ricevere i soldi dai partiti”.

Il riformista Librandi corteggia Maurizio Lupi: “Venga con noi”

Durante la puntata Maurizio Lupi è stato anche corteggiato da Gianfranco Librandi, leader dei Riformisti, non candidato a Milano, ma tra i più accesi supporter di Beppe Sala: “Che cosa sta a fare con Bernardo? Sarebbe stato lei il miglior candidato del centrodestra. Venga con noi, venga a fare l’assessore o il vicesindaco”.

Pandemia, il sindaco di Varese Galimberti contro Fontana

Tra gli ospiti di “The True Show” anche il sindaco dem di Varese Davide Galimberti, che ha attaccato duramente Attilio Fontana, presidente di Regione Lombardia, sull’emergenza Coronavirus: “A differenza di cinque anni fa, quando era capolista Roberto Maroni che ai tempi era governatore, questa volta il centrodestra l’unico che non ha candidato è proprio Attilio Fontana. Lo stanno nascondendo. Credo che sia perché la gestione della pandemia da parte di Fontana, ex sindaco di Varese per due mandati, non è stata affatto buona”.

Varese città di Giorgetti e della Lega moderata? “Non è così. A sostenere il mio competitor Bianchi si è presentato Matteo Salvini, e i toni e gli argomenti sono stati di Matteo Salvini. Non c’è una Lega moderata a Varese. E’ la stessa Lega di sempre”.